Breve storia del liceo Respighi

La nostra scuola fu fondata nel 1924. Il governo italiano aveva deciso di creare un nuovo tipo di scuola secondaria in cui le materie scientifiche venissero insegnate a quegli studenti intenzionati a conseguire una laurea in medicina o scienze. 

Il nuovo corso di studi fu dapprima collocato al piano terra dell’edificio di fronte a Palazzo Farnese, dove si trovava e si trova tuttora l’Istituto Tecnico Secondario G. Romagnosi; il 1 marzo 1947 il liceo scientifico venne trasferito nella sede attuale in Via Genova, nell’edificio che aveva svolto la funzione di quartier generale della GIL (Gioventù Italiana Littoria), un’organizzazione per giovani atleti e militari nata durante il regime fascista.

Questo edificio venne edificato nel 1932 dall’architetto Luigi Moretti. Ha la forma di un parallelepipedo a L collegato ad un cilindro. L’ingresso è sovrastato da una struttura ad arco che rappresenta l’unico riferimento all’architettura romana tornata in auge al quei tempi. Nel 1935 Moretti aggiunse l’ala destra alla struttura originale.  Secondo il suo progetto, l’edificio avrebbe dovuto comprendere una palestra e un teatro per 500 spettatori, mentre una piscina, una pista da atletica e campi da tennis avrebbero dovuto essere costruiti all’esterno, nell’area sottostante le antiche mura romane della città, area oggi adibita a parcheggio.  Purtroppo questo progetto fu ritenuto troppo ambizioso e non fu mai portato a termine.

Sulla facciata dell’edificio vi sono ampi finestroni.

Dopo il 1947 vennero apportate alcune modifiche alla struttura originale, per rispondere alle esigenze della nuova scuola. Ad esempio, la facciata fu modificata e gli affreschi nell’ingresso, raffiguranti parate militari, vennero coperti.

Di fronte alla scuola sulla destra fu eretto un monumento per commemorare il sacrificio di alcuni combattenti della Resistenza che furono uccisi nel 1945. 

Nell’ingresso a destra un lastra di marmo ricorda dieci studenti della scuola che combatterono e morirono con onore nella seconda guerra mondiale. 

Comments