News‎ > ‎

Premio nazionale per la Didattica Attiva al Liceo Respighi

pubblicato 17 nov 2014, 04:30 da Giovanni Corrado
Il riconoscimento assegnato al progetto  “Oltre il mito”, svolto in collaborazione con i Musei Civici di Palazzo Farnese e con la Fondazione “Toscanini” di Parma 
 
https://sites.google.com/a/liceorespighi.it/ufficiale/news/_draft_post-17/Attachment-1.jpg

Un importante riconoscimento nazionale è stato attribuito al Liceo Scientifico “L. Respighi”.  Il suo progetto  “Oltre il mito”, svolto nell’anno scolastico 2013/2014 in collaborazione con i Musei Farnesiani di Piacenza e la Fondazione “Toscanini” di Parma, ha ottenuto uno dei tre Premi Nazionali 2014 assegnati nell’ambito del concorso “Didattica Attiva: la didattica per l’alternanza scuola-lavoro”. 
Il concorso è stato promosso da Confindustria, Confindustria Modena, Federmeccanica e Unione industriali Reggio Emilia in collaborazione con il MIUR e l’Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia Romagna per valorizzare le migliori Istituzioni Scolastiche e imprese impegnate con scuole e docenti nella realizzazione di progetti di innovazione didattica.
Il progetto del Respighi, che lo scorso anno scolastico ha visto coinvolte, oltre alla classe IV E, direttamente parte in causa nell’alternanza scuola-lavoro, anche le classi I A, I L e II B, ha meritato una menzione speciale che premia l’ originale esperienza didattica realizzata intorno ad un’interpretazione creativa del rapporto fra la scuola e le realtà aziendali.  


https://sites.google.com/a/liceorespighi.it/ufficiale/news/_draft_post-17/IMG_0876.jpg
Le suggestioni derivanti dall’ analisi guidata di cinque opere d’arte presenti nella pinacoteca farnesiana appositamente scelte in relazione a dettagliati percorsi letterari e culturali e alle relative attività laboratoriali, individuali e in team, si sono infatti tradotte in un programma musicale ispirato dai lavori degli studenti e proposto nel maggio scorso, presso la Cappella Ducale di Palazzo Farnese, all’interno dell’evento “Cantami o Musa”, dall’Orchestra Regionale dell’Emilia Romagna. Linguaggi e ambiti sensoriali differenti, coniugati insieme,  hanno consentito lo sviluppo di una specifica tematica per ogni classe (il mito di Orfeo come archetipo del valore eterno della musica e della poesia, la guerra, l’epica al maschile e femminile, la tempesta sul mare e nell’animo umano) e un differente approccio alla conoscenza di opere letterarie, pittoriche, scultoree e musicali. All’interno dell’entusiasmante percorso, i giovani sono stati protagonisti di azioni di ricerca e metodo, approfondimenti multidisciplinari, interessanti attualizzazioni, ma anche scrittura creativa,  in prosa e poesia e indagine dei rapporti sinestetici fra linguaggi, con traduzioni inedite e personali di opere d’arte in progetti di brani musicali  (“Dalla tela alla musica”) e produzioni grafico-pittoriche originali. Al lavoro intellettuale si è costantemente affiancato l’ uso consapevole ed esperto della tecnologia, in un liceo 2.0 intesa come ulteriore strumento di indagine, espressione, produzione e documentazione (due ipertesti e due cd assemblati dagli studenti, con un video di presentazione, realizzato col supporto tecnico di Alessandro Manfredi, racchiudono l’intero lavoro svolto).
I ragazzi sono stati assistiti nel loro viaggio di esplorazione e costruzione di saperi e competenze, interiorizzazione e rielaborazione creativa da Antonella Gigli nella fase museale presso la pinacoteca di Palazzo Farnese, Gianluigi Giacomoni, referente della Fondazione “Toscanini", dalle docenti del Dipartimento di Lettere del Respighi Marina Avanzini (classe I A), Lucia Bacciocchi, referente del progetto (classe I L) e Patrizia Datilini (classi IV E e II B), insieme a Massimo Conversano, Silvia Marchesini e Raffaella Pezzoni per il Dipartimento di Disegno/Storia dell’Arte e a Daniele Bonelli (Filosofia) e Monica Rausa (Lingua e Letteratura francese). 
La premiazione del progetto ha avuto luogo il 13 novembre scorso all'interno del Convegno “Orientainsegnanti - Didattica Attiva: la scuola del futuro accende i lavori",  svoltosi presso l'Auditorium System Group di Fiorano Modenese, all’interno del quale i relatori hanno più volte sottolineato l’essenziale ruolo che la formazione umanistica, armoniosamente abbinata alle competenze scientifiche e tecnologiche, gioca anche nei processi di rilancio e sviluppo che il Paese attende dalle giovani generazioni. Il progetto del Respighi, dunque, come rileva la motivazione al premio, attribuito per la categoria "Alternanza scuola-lavoro e cultura umanistica", è riuscito, in collaborazione con prestigiose istituzioni culturali, a consentire ai tanti giovani coinvolti di entrare, in maniera stimolante e propositiva, in queste inedite ma necessarie intersezioni, che fanno di competenze e creatività risorse preziose e complementari nel cammino verso il futuro.
https://sites.google.com/a/liceorespighi.it/ufficiale/news/_draft_post-17/IMG_0874.jpg


Comments