News‎ > ‎

Giovani penne scrivono per l'Avis

pubblicato 30 mag 2014, 00:14 da Giovanni Corrado   [ aggiornato in data 30 mag 2014, 01:54 ]
Daniela Chiapperini (Romagnosi), Anna Soressi (Gioia) e Alessandro Tortis (Respighi) sono il primo, il secondo e il terzo classificato del concorso "Solidarietà, volontariato e dono del sangue" indetto congiuntamente dalla sezione piacentina dell'Avis e dal Gruppo Giovani dell'Avis per i 60 anni dalla fondazione.
Le premiazioni si sono svolte ieri mattina all'Istituto Romagnosi alla presenza dei tanti ragazzi dei tre istituti che hanno preso parte alla gara letteraria. «Ringrazio l'Avis per averci dato questa splendida occasione - ha detto il dirigente scolastico, Franco Balestra - Condividiamo i valori educativi che l'Avis trasmette e li vogliamo passare alle nuove generazioni. Parlo di solidarietà, serietà, impegno e sensibilità verso le problematiche che caratterizzano il nostro tempo». «Donare significa salvare delle vite - ha aggiunto - è un atto di grande valore che rimane nell'anonimato». Alle tre "penne" vincitrici sono andati altrettanti buoni acquisto del valore di 400, 300 e 200 euro da spendere in tutte le librerie Feltrinelli; alle scuole sono state consegnate delle targhe, ai partecipanti, alle insegnanti e ai presidi dei gadget Avis e altri pensieri.
«Abbiamo deciso di indire questo concorso in occasione del 60esimo dalla fondazione - ha detto Silvio Baderna, presidente dell'Avis di Piacenza - parliamo di un periodo lungo durante il quale si sono avvicendate generazioni di donatori che hanno sopperito al fabbisogno di sangue di Piacenza».
«L'Avis è sempre alla ricerca di nuove leve - ha aggiunto - il problema della sostituzione dei donatori è sempre in agguato. Sappiamo tutti che dopo i 65 anni non è più possibile donare e per essere regolari è necessario avere un buon organico». Insomma l'Avis punta sui giovani ed è anche per questo che ha deciso di indire un concorso letterario che li facesse riflettere sul significato del dono. «Questi ragazzi, oltre a saper scrivere- ha detto Rosanna Cesena, responsabile sanitario Avis- hanno messo in evidenza l'importanza dei valori umani. La solidarietà non ha colore politico o etnico e non è una ideologia». Presente alla cerimonia anche l'ex presidente Gianpiero Labati e le insegnanti che hanno coordinato il progetto nelle scuole: Antonella Ciocchi, Patrizia Datilini, Tiziana Tansini, Lia Nanlio, Antonella Carini, Graziella Agosti e Patrizia Pugli. I testi vincitori saranno pubblicati sul sito dell'Avis provinciale e sulla pagina Facebook "Avis Comunale Piacenza".
nov


30/05/2014


Hanno ricevuto un riconoscimento e una menzione speciale anche Maria Provini della 5C e Giacomo Botti della 5L del nostro liceo.
Comments