News‎ > ‎

Cronache dai ghiacci. Novanta giorni in Antartide

pubblicato 13 mar 2017, 03:43 da Giovanni Corrado   [ aggiornato in data 13 mar 2017, 06:53 ]
http://www.chiaramontanari.net/

AUDITORIUM DELLA FONDAZIONE DI PIACENZA E VIGEVANO - Via Sant’Eufemia, 12 - Piacenza

15 marzo 2017 – ore 17.00

Prof. Chiara Montanari Politecnico di Milano

Come si vive in una base di ricerca in Antartite, a -50 °C e 4000m di altitudine?
Concordia è una base di ricerca italo-francese prossima al Polo Sud. E’ situata su un altipiano di ghiaccio a 1.200 km dalla costa: un luogo isolato da tutto, un ambiente ostile e gelido, dove le condizioni climatiche impediscono qualsiasi tipo di vita. Ricercatori, biologi, climatologi di tutto il mondo vi studiano lo stato dei ghiacci e del pianeta. Organizzare la vita quotidiana non è semplice: l’approvvigionamento in viveri, materiali e carburante dipende dall’arrivo del convoglio via terra, la “traversa” , ma in Antartide nulla è più imprevedibile del meteo, e l’attesa può essere snervante e trasformarsi in un incubo. Ci sono, poi, la gestione delle emergenze logistiche e sanitarie e l’inevitabile conflittualità che esse generano. La gestione dei rapporti personali in un microcosmo asfittico, dove non vi è la possibilità di isolarsi né di allontanarsi, è infatti l’altra dura prova a cui sono sottoposti gli abitanti della base. All’attivo, Chiara Montanari ha 5 missioni in Antartide, l’ultima nel 2016, quando che per 4 mesi è stata a capo della spedizione alla base Belga Princess Elisabeth, nell’east Antarctica. Con una presentazione ricca di immagini e filmati, Chiara ci racconterà delle sue missioni in Antartide, proponendoci uno squarcio di vita e condizioni di ricerca decisamente fuori dal comune.

C.V. Chiara Montanari
È ingegnere, esperta di Strategia, Leadership e lavoro di team in ambienti estremi, in situazioni d’incertezza e nello sviluppo dell’innovazione.
Ha partecipato a 5 missioni scientifiche in Antartide: più volte a capo delle missioni internazionali alla base Concordia sul Plateau Antartico (in cima alla calotta polare, a 4000m di altitudine e temperature tra i -50°C ed i -80°C) e, recentemente, a capo della spedizione belga alla Base Princess Elisabeth nell'East Antarctica.
Oltre alle spedizioni polari, ha lavorato come manager in vari settori, dalle startup in ambito broadcasting digitale in UK, all'efficienza energetica e all’innovazione. Vive a Milano e sta sviluppando ricerche in ambito della Teoria della Complessità applicata alla gestione strategica d’impresa presso il Centro di Ricerca sulla Complessità di Bergamo.
Insignita dell'Ambrogino d'oro 2014 per l'impegno nell'innovazione, nel 2015 ho pubblicato (Mondadori) il libro della mia ultima spedizione a Concordia, introducendo l’idea dell’agire in Antartide come metafora del business contemporaneo:
adattamento al cambiamento continuo, in una ambiente ad elevata complessità e incertezza permanente.

Seleziona l'immagine per accedere al sito http://www.chiaramontanari.net/