Annunci Recenti‎ > ‎

Venerdì 23 marzo ai Venerdì della scienza: le nuove frontiere della scienza

pubblicato 19 mar 2018, 23:55 da web master   [ aggiornato il 21 mar 2018, 08:12 da CHIARA CAPPA - English ]

Oscillazioni di bellezza.  Relatore: Roberto Tenchini - Ricercatore CERN di Ginevra, Dirigente di ricerca dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Sede dell'incontro: Auditorium Fondazione Piacenza e Vigevano - Via Sant’Eufemia, 12 - Piacenza - 23 marzo 2018 – ore 17.00. 

La meccanica quantistica accompagna le nostre vite, non solo perché la chimica del nostro corpo è regolata da leggi quantomeccaniche, ma anche perché siamo circondati da tecnologia basata sulle stesse leggi. I componenti elettronici dei nostri telefoni, televisori, automobili, funzionano grazie al comportamento quantistico dei loro componenti al silicio. Lo stesso avviene per i laser ormai comunemente usati, o per le luci a led che stanno sostituendo ovunque le lampadine standard. Senza le conoscenze scientifiche basate sulla meccanica quantistica non avremmo la tecnologia che permette di funzionare agli onnipresenti computer e alla rete: la meccanica quantistica ha un profondo impatto sociale! Nella conferenza descriveremo in maniera divulgativa uno dei comportamenti più affascinanti del mondo quantomeccanico: le oscillazioni materia - antimateria, ovvero la trasformazione di materia in antimateria e viceversa, osservata con il passare del tempo. Queste oscillazioni possono avvenire per particelle senza carica elettrica, ovvero per alcune particelle neutre. Le oscillazioni materia - antimateria state osservate negli esperimenti di fisica delle alte energie per alcune particelle neutre composte da due quark, ovvero per alcuni mesoni neutri (i mesoni sono appunto le particelle composte da due quark). Il fenomeno è stato osservato per la prima volta negli anni ’60 per mesoni contenenti il quark strange; negli anni 80 sono apparse evidenze indirette di oscillazioni anche per mesoni contenenti il quark beauty. L’evidenza diretta di oscillazione dei mesoni con beauty è avvenuta nei primi anni ’90 con l’esperimento ALEPH al CERN ed è stata presto confermata da altri esperimenti, sia all’acceleratore di particelle LEP, che ad altri acceleratori. La prima osservazione è avvenuta per i mesoni neutri contenenti un quark beauty e un quark down (i mesoni B0d) a cui anni dopo è seguita l’osservazione delle oscillazioni, molto più veloci, del mesone B0s. Recentemente è arrivata l’evidenza delle rare oscillazioni dei mesoni con il quark charm. Lo studio delle oscillazioni materia-antimateria non rappresenta una semplice curiosità: ha aperto la strada alla studio di sottili violazioni di simmetria (violazioni di CP), che sono verosimilmente all'origine dell’abbondanza di materia nel nostro universo, a scapito dell’antimateria. Nella conferenza si descriveranno anche alcune delle caratteristiche dei complessi apparati sperimentali che hanno permesso lo studio di questi fenomeni e di discuteranno le prospettive future di questi studi. 

C.V. Roberto Tenchini
Si laurea a Pisa nel 1982 con un lavoro sulla struttura elettromagnetica del mesone pi greco (il pione). Dopo la laurea continua queste ricerche prima al Westfield College e poi al Royal Holloway College dell'Università di Londra dove, con alcuni colleghi, misura il raggio del pione carico con una precisione che rappresenta, dopo vent'anni, un record ancora insuperato. È questa la misura del più piccolo oggetto di dimensioni finite (circa un decimillesimo di miliardesimo di centimetro). Questi studi lo portano, nello stesso periodo, a utilizzare il pione neutro per misurare una proprietà dei quark chiamata colore. Il suo interesse si sposta quindi sugli adroni contenenti quark pesanti sui quali effettua alcune tra le prime misure di vita media. Nel 1986 ritorna a Pisa come ricercatore dell'INFN e contribuisce alla costruzione dell'esperimento Aleph all'acceleratore LEP del CERN. Questo esperimento contribuirà in maniera decisiva a migliorare di ordini di grandezza la nostra comprensione del Modello Standard delle particelle elementari. Egli contribuisce, prima personalmente, poi con un gruppo da lui diretto, alle prime misure di precisione delle interazioni elettrodeboli utilizzando i quark pesanti e successivamente a misure precise della massa e altre proprietà del bosone W. L'esperimento Aleph ha prodotto, in oltre una decade, più di duecento pubblicazioni scientifiche con misure originali nel campo delle interazioni elettrodeboli, delle interazioni forti e nella ricerca di segnature di fisica al di la del Modello Standard. Ha completato una complessa ricerca del bosone di Higgs, la particella che è reputata essere all'origine del meccanismo di generazione della massa, ed ha osservato alcuni eventi che potrebbero essere interpretati come produzione diretta dello stesso bosone di Higgs. Roberto Tenchini è stato spokesman, cioè responsabile generale, dell'esperimento Aleph al CERN ed è dirigente di ricerca presso la sede di Pisa dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Ha collaborato alla costruzione del tracciatore dell'esperimento CMS al Grande Collisore ad Adroni (LHC) ed ha avuto un ruolo importante nella preparazione delle misure di fisica dell'esperimento. In particolare è stato responsabile generale delle pubblicazioni nei primi due anni di presa dati a LHC, in cui sono stati prodotti i primi cento articoli di fisica di CMS. È stato coordinatore di vari team sperimentali per le misure di fisica a LHC, ed è attualmente responsabile per l'esperimento CMS della fisica del quark top.
Ċ
web master,
19 mar 2018, 23:55
Comments