Annunci Recenti‎ > ‎

Bilancio positivo per lo scambio con l'Olanda

pubblicato 26 apr 2019, 12:26 da CHIARA CAPPA - English   [ aggiornato in data 26 apr 2019, 12:27 ]

Gli studenti del Liceo Respighi con le docenti accompagnatrici  proff. Roberta Pasetti e Ilaria Groppi sono rientrati dall’Olanda sabato mattina 6 aprile 2019. Si  è così concluso anche per quest’anno lo scambio con il Frencken College di Oosterhout.

 Oltre al senso di distacco e a una certa malinconia che questo ha comportato, vi è la consapevolezza di aver fatto un’esperienza densa di significato.

Aver provato per un’intera settimana a vivere la quotidianità, fatta di famiglia, scuola e tempo libero degli studenti coetanei di un altro paese è qualcosa di speciale, che permette di vivere un’esperienza ben più significativa di quanto non possa essere visitare un paese straniero in veste di turista.

Questi i commenti di alcuni studenti durante il viaggio di rientro: “La settimana in Olanda è stata molto divertente e intensa, mi ha aiutato molto permettendomi così di potenziare la mia capacità di parlare e di comprendere l’inglese. Inoltre ho fatto molte amicizie legando con qualcuno in particolare. Sono stato anche molto contento di aver visitato un Paese diverso dal nostro” (Giuseppe).

“Ho ritenuto questa esperienza molto formativa: mi ha permesso di acquisire molta sicurezza con l’inglese ,di imparare ad adattarmi a differenti situazioni e conoscere persone nuove con le quali confrontarsi. Certamente mi ha fatto capire che le persone possono rivelarsi diverse da come pensiamo e che non bisogna avere aspettative, ma che la diversità è da vedere come un vantaggio e uno spunto di crescita” (Emma).

È stata soprattutto un’occasione per confrontare il sistema scolastico in Olanda e nel nostro Paese. Prima di tutto si nota come vi sia un rapporto stretto di collaborazione tra gli studenti e le istituzioni locali; inoltre a scuola viene lasciato uno spazio di autonomia agli studenti necessario alla creatività e allo sviluppo dell’autonomia, che le nostre regole non ci consentono. Un’altra considerazione è che un’efficiente gestione del bene pubblico produce servizi al cittadino tangibili, in grado di migliorare drasticamente la qualità della vita. Questo è stato il confronto che non solo ha avvicinato i ragazzi ad una più fluida conoscenza linguistica, ma che li ha anche messi a contatto con una realtà che, in quanto diversa, stimola il desiderio di far proprio quello che l’Altro ci può suggerire di meglio attraverso uno scambio di culture.

Comments